Conferenze

Le Relazioni oltre le Immagini, quarta giornata di studio ArtLine Milano, 11 dicembre @Fondazione Feltrinelli

11/12/2019 10:30 – 11/12/2019 18:00

Le Relazioni oltre le Immagini

Metodologia, Laboratorio, Partecipazione

Quarta Giornata di Studio

Sala Polifunzionale, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Milano, Viale Pasubio, 5 Milano

11 dicembre 2019, 10.30-18

 

La Fondazione Giangiacomo Feltrinelli di Milano ospita la quarta giornata di studio de “Le Relazioni oltre le Immagini”, ciclo di incontri di approfondimento sulle tendenze attuali dell’arte pubblica e sulle loro implicazioni nello spazio sociale contemporaneo, nell’ambito del public program “ArtLine Milano”, progetto d’arte pubblica del Comune di Milano nel parco di CityLife.

Un progetto di arte pubblica può avviare o svilupparsi come un processo educativo?Laboratorio come strategia partecipativa o come obiettivo etico ed estetico? La partecipazione deve rimanere un obiettivo imprescindibile di un progetto di arte negli spazi pubblici?

L’obiettivo della giornata è di analizzare i rapporti tra le pratiche artistiche nella sfera pubblica e la pedagogia sperimentale attraverso un confronto tra l’educazione all’arte, che si svolge all’interno delle istituzioni formative, e l’educazione non formale, che fonda progetti di natura collaborativa e partecipativa o ha luogo in spazi gestiti da artisti e curatori, volta al vivere insieme e a porre questioni di natura metodologica e sociale che riguardano altri modelli di comunità.

Interventi di Mary Jane Jacob, Pascal Gielen, Anton Vidokle, Emanuela De Cecco, Cesare Pietroiusti, Marco Scotini.

Moderano Cecilia Guida, responsabile public program ArtLine, e Roberto Pinto, coordinatore ArtLine.

 

Programma

Sessione della mattina, ore 10.30-13

10.30-10.45: Saluti istituzionali

10.45-11: Introduzione ai temi della giornata di studio a curadi Cecilia Guida e Roberto Pinto

11-12: Keynote: Educazione come arte, educazione come esperienza: imparare da Dewey di Mary Jane Jacob

12-13: Keynote: Commonism-Le costituzioni artistiche dello spazio pubblico di Pascal Gielen

 

Pausa

 

Sessione del pomeriggio, ore 14.30-18

14.30: La mostra come scuola, come pubblicazione di Anton Vidokle

15.10: Prossimità: spazi e tempi dell’incontro di Emanuela De Cecco

15.50: Pedagogia localizzata e formazione di comunità di Cesare Pietroiusti

16.30: La classe disobbediente. Sfera pubblica e formazione di Marco Scotini

 

17.10-18: Q&A

 

Per maggiori informazioni scrivere a artlinemilano@comune.milano.it

www.artlinemilano.it

http://fondazionefeltrinelli.it/

 

Bio relatori

Mary Jane Jacob è curatrice e scrittrice che ha sostenuto l’arte pubblica, site-specifice impegnata socialmente come pratica e discorso condivisi. Attualmente sta organizzando una grande mostra della pionieristica artista polacca Magdalena Abakanowicz che aprirà alla Tate Modern nel giugno del 2020. Jacob è professoressa alla School of the Art Institute di Chicago.

Pascal Gielen è professore di sociologia dell’arte e politica presso l’Antwerp Research Institute for the Arts (Università di Anversa, Belgio) dove dirige il Culture Commons Quest Office (CCQO). Gielen è il direttore della serie internazionale di libri “Arts in Society”. Nel 2016 è stato insignito del premio Odysseus per la ricerca scientifica internazionale del Fondo per la Ricerca Scientifica Fiamminga in Belgio. La sua ricerca si concentra sul lavoro creativo, sul contesto istituzionale delle arti e sulle politiche culturali. Gielen ha pubblicato numerosi libri tradotti in inglese, coreano, polacco, portoghese, portoghese, russo, spagnolo e turco.

Anton Vidokle è artista e direttore di “e-flux journal”. È nato a Mosca e vive a New York e Berlino. Il lavoro di Vidokle è stato esposto a livello internazionale a “Documenta 13” e alla “56a Biennale di Venezia”. I suoi film sono stati presentati a “Bergen Assembly”, “Shanghai Biennale”, “65th and 66th Berlinale International Film Festival”, “Forum Expanded”, “Gwangju Biennale”, Center Pompidou, Tate Modern, Garage Museum, “Istanbul Biennial”, Haus der Kulturen der Welt, Tensta Konsthall, Blaffer Art Museum, Stedelijk Museum etc.

Emanuela De Cecco insegna storia dell’arte contemporanea e cultura visuale all’Università di Bolzano dal 2007. In precedenza ha lavorato nella redazione di “Flash Art” a Milano e alla Fondazione Sandretto di Torino nei suoi primi 3 anni di vita. La sua relazione con le arti non è un interesse ma una necessità personale e politica.

Cesare Pietroiusti è artista visivo con base a Roma. Laureato in Medicina (1979) con una tesi in Clinica Psichiatrica, Pietroiusti è stato co-fondatore del Centro Studi Jartrakor di Roma (1977) e della “Rivista di Psicologia dell’Arte” (1979). È stato uno dei promotori del progetto “Oreste” (1997-2001). Docente del Laboratorio Arti Visive, IUAV, Venezia (2004-2015) e del MFA Faculty presso LUCAD, Lesley University, Boston (2009-2016). Pietroiusti è membro del collettivo “Lu Cafausu” e iniziatore della Fondazione Lac o Le Mon, San Cesario di Lecce (2015-). Dal luglio 2018 è il Presidente dell’Azienda Speciale PalaExpo Roma. Dal 1977 ha esposto in spazi privati e pubblici, deputati e non, in Italia e all’estero.

Marco Scotini è curatore con base a Milano. È il direttore artistico di FM Centro per l’Arte Contemporanea. Dal 2004 è il direttore del dipartimento di Arti Visive e Studi Curatoriali di NABA (Milano e Roma) e dal 2014 è responsabile del programma espositivo del Parco d’Arte Vivente PAV di Torino. Ha curato il Padiglione Albanese alla Biennale di Venezia (2015), tre edizioni di Prague Biennale, Anren Biennale (2017) e la Seconda Yinchuan Biennale (2018).

 

Prossimi appuntamenti:

Quinta Giornata di Studio

Interazione, Attivazione, Conservazione

Palazzo Reale di Milano, Piazza del Duomo, 12 Milano

20 marzo 2020, 10.30-18

Una collaborazione Museo del Novecento e ArtLine Milano